Alberto Cerri, il bomber ‘predestinato’ che somiglia tanto a Vieri




Da più di un mese ha lasciato la Bzona per trasferirsi al Pescara in Serie A. Dopo un periodo ambientamento, l'attaccante ha finalmente ritrovato la forma e realizzato una doppietta contro il Genoa fondamentale per il morale suo e della squadra di Zeman.

IDOLI Forte fisicamente, potente ma tecnico al tempo stesso. I suoi idoli sono Van Basten e Ibrahimovic, ma per caratteristiche fisiche e tecniche sembra ricordare più il giovane Christian Vieri.  Lui è Alberto Cerri, attaccante con le stigmate del predestinato che ha debuttato in A con il Parma all'età di 16 anni.

LEGGI ANCHE: LE FOTO di Marianna Gautieri, la fidanzata di Cerri sexi su instagam

cerri

COME VIERI La struttura è già da giocatore fatto e finito: 193 centimetri d’altezza per 82 chilogrammi,  gambe forti e possenti. Il colpo di testa è ovviamente il pezzo forte della casa anche se sarebbe un errore considerarlo solo e semplicemente un ariete d'area di rigore: tecnicamente è cresciuto molto l'ultimo anno, ma sicuramente può migliorare ancora nella rapidità d’esecuzione e nello stretto, ma la stoffa è di primissima qualità.

 

GUARDA IL GOL DI CERRI IN Spal vs Carpi 3-1 (FONTE YOUTUBE - allgoalslive)

COME BOBO Anche Cerri è spesso sulle copertine delle riviste gossip per la sua vita amorosa fuori da campo: la sua storia d'amore con Marianna Gautieri, figlia di Carmine Gautieri ex attaccante della Roma e allenatore in Serie B sulle panchine di Bari, Lanciano, Livorno e Latina,  ha catturato l’attenzione degli appassionati di social network  per alcuni sexy scatti. 

PASSATO RECENTE Nei primi 6 mesi del 2015 ha vestito la maglia della Virtus Lanciano, poi, dopo il fallimento del Parma che ne deteneva il cartellino, è entrato nelle mire del Direttore sportivo della Juventus Fabio Paratici, che lo ha mandato in prestito a Cagliari dove ha totalizzato 26 presenze e 3 reti. Vanta numerose presenze con le nazionali giovanili, in particolare Under-17 e Under-19 delle quali è stato anche capitano. Nonostante la stagione non esaltante, ad oggi sembra essere proficua la sua carriera in Nazionale:  il 29 marzo 2016 ha segnato il suo primo gol in Under 21, rete decisiva per la vittoria 1-0 nella partita di qualificazione all'Europeo 2017 contro Andorra.

Il termine 'predestinato' viene spesso abusato quando si parla di giovani calciatori ma al Pescara, così come alla Juventus, sono sicuri di avere tra le mani quello che sarà il centravanti della Nazionale negli anni a venire.