Bruno Petkovic, l’Ibra della B che ha fatto sognare la Sicilia granata




Di Bruno Petkovic abbiamo modo spesse volte di elogiare le sue prestazioni durante lo scorso campionato quando è esploso nella sponda granata della Sicilia, contribuendo a portare in alto il Trapani, fino alla finale play-off persa con il Pescara. A proposito delle performance del calciatore il tecnico il tecnico degli abruzzesi Massimo Oddo – uno che di talenti sei ne intende – si era espresso così: “E’ l’Ibrahimovic della Serie B. Con le dovute proporzioni, gli somiglia molto”.progetto-senza-titolo-3

 

ASSIST MAN Petkovic ha ricoperto in carriera tutte le posizioni d’attacco, dimostrandosi particolarmente bravo nel ruolo di seconda punta, in appoggio alla punta centrale. Grazie al suo fisico possente (alto 194 cm) e alla sua tecnica cristallina riesce a proteggere il pallone facilmente, facendo salire i compagni nei momenti di difficoltà, creando superiorità numerica con i suoi dribbling. E’ Dotato di un buon colpo di testa e di un’ottima visione di gioco. La sua qualità migliore? l’assist: riesce sempre a mettere i compagni davanti alla porta, che sia con un passaggio in profondità o un lancio illuminante.

Da poche ore è stato ufficializzato il suo trasferimento al Bologna alla corte di Donadoni. Si tratta di una perdita per il Trapani e i suoi tifosi, ma soprattutto per tutta la Bzona, che non vedrà più tra i protagonisti uno dei calciatori più talentuosi dell'intero campionato cadetto. Ciao Bruno, in bocca al lupo! 

guarda il video Gol, assist e dribbling di Bruno Petkovic (FOnte Marco eugenio)

TALENTO PURO CROATO Classe ‘94, nasce calcisticamente nell’Ont Metkovic, squadra della sua città. In Croazia gioca anche con le maglie della Dinamo Zagabria, del Nk Zagabria, del Nk Hask e del Hrvatski Dragovoljac, prima di passare al Catania nel 2012. Nel Maggio 2013 esordisce in serie A per pochi minuti, l’anno dopo, sempre col Catania collezionerà 4 partite in Serie A. Nel 2014 passa in prestito al Varese in serie B, dove però non troverà molto spazio e a Gennaio 2015 approda nella Reggiana, totalizzando 4 gol in 15 partite. Nel 2016 inizia il campionato cadetto tra le fila della Virtus Entella, disputando 13 partite quasi tutte da subentrante, a Gennaio passa al Trapani, dimostrando tutto il suo valore 7 reti nel girone di ritorno, sfiorando la promozione in Serie A.  Il 22 giugno è stato riscattato dal club granata.