Esclusiva Bzona.it, Calori: “Cittadella come il Sassuolo e su Morosini…”




La redazione di Bzona.it ha intervistato in esclusiva Alessandro Calori ex capitano dell'Udinese che in
Serie B ha allenato tra le altre Brescia, Novara e Padova.

Dove può arrivare questo Cittadella delle meraviglie?
La società è un esempio virtuoso: ha basi solide, un direttore sportivo preparato e l'idea di gioco di Venturato è ben precisa. Per certi versi potrebbe ricordare il Sassuolo che si affacciò in Serie B anni fa. Dove arriverà è difficile dirlo, sicuramente partire bene aiuta molto e dà fiducia a tutto l'ambiente. Non sarebbe una sorpresa per me trovarlo nelle parti alte della classifica a fine campionato.

Su quale giovane possiamo scommettere in questa stagione? 
Sono molti i giovani interessanti che si stanno mettendo in evidenza. Io conosco, anche se l'ho allenato poco per via dei suoi problemi fisici, Leonardo Morosini del Brescia. E' un '95 molto interessante, un trequartista atipico che fa della velocità il suo punto forte, inoltre sente la porta è molto istintivo. E' un talento difficile da ingabbiare tatticamente, anche se dietro la punta, a mio avviso, dà il meglio. E' un ragazzo tranquillo, educato con la passione per la pittura e la musica, se conferma il livello di gioco dello scorso anno è senz'altro pronto per il palcoscenico della Serie A. Altri due nomi che vorrei sottolineare sono il portiere Alex Meret della Spal e il difensore Valerio Mantovani della Salernitana che si stanno dimostrando di assoluto livello.

Chiudiamo con un tuo ricordo della Serie B, visto che l'hai assaporata sia dalla panchina che dal campo.
Il ricordo che lego alla mia esperienza in Serie B riguarda Pisa e la stagione '89-'90 chiusa con una straordinaria promozione in A. Il presidente in quegli anni era Romeo Anconetani che per festeggiare la promozione sali in cima alla Torre con la bandiera del Pisa e Piazza dei Miracoli si rimpì di tifosi festanti. Uno spettacolo indimenticabile.