ESCLUSIVA Bzona.it – Esposito: “L’Italia di Conte può arrivare lontano”

ternana - perugia pronostico




Da CT a CT, l’Italia di Antonio Conte vince e convince.  Bzona.it ha intervistato in esclusiva l’ex allenatore della nazionale italiana di Beach Soccer, Massimiliano Esposito.
Lui che ha portato l’Italia alla medaglia d’argento agli Europei di Baku nel 2015 si esprime così su Euro2016: “Sono molto fiducioso, perché conosco Conte, ho visto il modo di lavorare dello staff e sin dalla prime partite mi è piaciuto l’approccio della squadra. Non voglio sbilanciarmi ma l’Italia ha le carte in regola per arrivare in fondo al torneo continentale”.

Veniamo al calcio che piace a Bzona.it, Esposito è un profondo conoscitore della Serie B, i numeri della sua carriera parlano chiaro: 121 presenze e 12 reti nella serie cadetta indossando le maglie di Napoli, Ternana, Venezia e Triestina (senza dimenticare i quasi 180 gettoni in Serie A, ndr).
Quello di Serie B - spiega - è da sempre un campionato lungo e complicato. Quest’anno è stato divertente fino ai minuti finali dei playoff.

Cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo campionato di Serie B?
Dalla Lega Pro sono state promosse società agguerrite e anche chi è retrocesso dalla Serie A cercherà subito il riscatto. Ad esempio sono molto curioso di vedere Fabio Pecchia sulla panchina del Verona. Conosco Fabio da calciatore, ai tempi del Napoli, e dopo le sue esperienze da vice di Rafa Benitez a Napoli e Madrid voglio vedere come se la cava in una piazza esigente come quella veronese. Potrebbe essere lui la sorpresa del campionato.

Un ricordo personale che ti lega al campionato di Serie B?
Stagione 2004-2005, sono al Venezia giochiamo in casa contro il Modena il risultato è bloccato sullo 0-0.  All’84’  il nostro portiere (Benussi, ndr) viene espulso e avendo esaurito le sostituzioni decido di mettermi i guanti e difendere la porta per i minuti mancanti.  Al 92' rigore per noi, sono io il rigorista. Non ci penso due volte attraverso tutto il campo e metto la palla sul dischetto, l’arbitro non mi dà neanche il tempo di rifiatare e fischia… sono stanchissimo, gambe molli e pallone calciato alto!
Per fortuna la settimana successiva ho segnato a Empoli…. ma quel rigore finito in Laguna non lo dimenticherò mai!

Archiviata l’esperienza del Beach Soccer, sei tornato al calcio allenando i giovani. Qual è il tuo modello di allenatore?
Quello di tornare al calcio è sempre stato il mio obiettivo. Ho avuto la fortuna di avere grandi allenatori come Marchioro, Mazzone e Ulivieri, non mi ispiro a uno in particolare. Ho la mia filosofia e sto cercando di metterla in pratica partendo dai giovani