Il Brescia è pronto ad abbracciare Cristian Brocchi

Cristian Brocchi




Meglio ripartire da un progetto costruitogli su misura, che continuare a vivere un sogno dai contorni sempre più foschi. Deve aver pensato questo Cristian Brocchi all’atto dalla separazione dal suo amato Milan. Il tecnico ha deciso di lasciare, a sorpresa, venendo meno anche alla promessa fatta a Silvio Berlusconi di pazientare sino all’arrivo, nel club rossonero, della nuova presidenza cinese. Dopo aver perso il treno Crotone (ufficiale l’ingaggio del mister Davide Nicola ndr), le lusinghe del Brescia in serie B hanno riproposto in Brocchi quella voglia di rivalsa sopita oramai al Milan. Le rondinelle, archiviata definitivamente l’ipotesi Zdnek Zeman, non hanno avuto esitazioni nel corteggiare e strappare il sì dell’ex giocatore di Verona, Lazio e Milan.
Una rosa giovane (dove spiccano i talenti di Mazzitelli, Morosini e Geijo) pronta a seguire il giovane allenatore e pieni poteri sul mercato hanno fatto il resto. Brocchi, dopo aver traghettato il Milan in un finale di stagione tutto polemiche e confusione, ha capito di poter tornare protagonista al Brescia. Resta da superare l’ultimo scoglio contratto: la dirigenza bresciana ha proposto un anno con opzione di rinnovo automatico al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Una scommessa che Brocchi ha tutta l’intenzione di non lasciarsi sfuggire.