Samuel Di Carmine, il comprimario della B che fa volare il Grifo




"E' uno dei migliori attaccanti della Serie B e rimarrà con noi, farà grandi cose per il Perugia" . Così si era espresso lo scorso luglio in ritiro l'allenatore del Perugia Cristian Bucchi su Samuele Di Carmine e i fatti,oggi, gli stanno dando ragione. In queste prime ventinove giornate del campionato cadetto, infatti, Di Carmine ha inanellato ottime prestazioni culminate con la tripletta che ha permesso agli umbri di battere L'Avellino e proiettarsi tra le prime posizioni.

SECONDA PUNTA Samuel Di Carmine non è un bomber di razza: è una punta esterna ma si adatta facilmente nel ruolo di attaccante centrale. Predilige giocare accanto ad un attaccante boa che possa permettergli di andare negli spazi alle spalle dell'ultimo uomo ma anche sull'esterno dove poter mettere al centro area cross invitanti.




GIOVANILI VIOLA Nato a Firenze, il classe '88 ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile della Fiorentina fino
progetto-senza-titolo-4al debutto in A ad appena 18 anni contro il Torino. L’anno successivo il primo (e fino ad oggi unico) gol internazionale della carriera in un Fiorentina-Elfsborg di Coppa Uefa terminato 6-1 per i toscani. Da lì il passaggio nel Championship, la serie B inglese, precisamente al QPR di Flavio Briatore e Bernie Ecclestone: Di Carmine però non brilla mettendo a segno solo 2 reti in 27 presenze e la Fiorentina decide di girarlo in prestito al Gallipoli per la stagione successiva. Dopo l’anno in Puglia (2 reti in 34 giornate di B e amara retrocessione) la punta si sposta in Ciociaria, al Frosinone, con il quale rimane appena un anno senza riuscire ad andare in gol nemmeno una volta.

RITORNO IN B La carriera di Di Carmine sembra prendere una brutta piega ma il parziale riscatto arriva con il Cittadella: nella piccola realtà veneta l’allora 23enne fiorentino sembra trovarsi a suo agio e i suoi 8 gol aiutano la squadra a raggiungere la salvezza.  samueldicarminecataniacalciovcittadellahrkpqae3qwolAl termine della stagione il Cittadella rileva l’altra metà del cartellino del giocatore (che apparteneva ancora alla Fiorentina), ma le prestazioni calano e la dirigenza dei granata decide di cederlo alla Juve Stabia. Con i campani arriva la seconda retrocessione in Lega Pro della carriera e successivamente la sconfitta nei play-off promozione contro il Bassano.  Ma le 14 reti messe a segno con le Vespe non sono passate inosservate dalla dirigenza del Perugia ha che nell'estate 2015 lo acquista: alla soglia dei 27 anni è ormai pronto per giocare in una squadra che punta in alto e il contratto di 3 anni è un attestato di fiducia non da poco.
Dopo un semestre in Umbria, nella sessione invernale di mercato passa in prestito ai pari categoria dell'Entella. In Liguria segna subito in casa nel 4-0 al Trapani, ed è poi decisivo con una doppietta e un rigore procurato nella rimonta 2-3 a Vercelli. Nell'ultima sessione di mercato Foggia e Benevento ci hanno provato, ma mister Bucchi ha optato per un ritorno in Umbria ritenendolo incedibile e l'attaccante lo sta ripagando con prestazioni maiuscole.

Alzi la mano chi ha sempre creduto in Samuel Di Carmine !

progetto-senza-titolo-1

GUARDA LA TRIPLETTA DI DI CARMINE CONTRO L'AVELLINO (0-5)